Provebi Antichi  in dialetto comasco

                                          Li2a

 

 

COMASCO

ITALIANO

  1.  

A caval dunaa se varda minga in buca

A caval donato non si guarda in bocca

  1.  

A chi on mestèr in man ghe manca mai on tòcch de pàn

A chi ha un mestiere in mano, non manca mai un pezzo di pane.

  1.  

A Colònn bruta la tera e anca pèsc i dònn

A Colonno è brutta la terra e ancor peggio le donne

  1.  

A Culon bruta la tera e pèsc i donn; brut al pais e pèsc quel asan che la diis

A Colonno la terra è brutta e peggio ancora le donne; brutto e' il paese e peggio quell'asino che lo dice

  1.  

A fa l'ost ga vöö tre robb: ul vin bun, la dona bèla e l'omm cujùn.

Per fare l'oste occorrono tre cose: il vino buono, la moglie bella e il marito poco furbo.

  1.  

A la sera légur, a la matina pégur.

Alla sera vispi come lepri e alla mattina lenti come pecore.

  1.  

A lavà el coo aj asen se strasa el saùn.

Se si lava la testa agli asini, si sciupa il sapone.
La frase significa che è inutile usare gentilezza nei confronti di chi non è in grado di apprezzarla.

  1.  

A lavurà la vita l'è düra, ma la pagnòta l'è sicüra.

Lavorando la vita è dura, ma la pagnotta è sicura.

  1.  

A ogni vit on palètt, a ogni dòna on omètt

Ad ogni vite un paletto e a ogni donna unometto.

  1.  

A Sala sta bèn qui del paes, ma se riva on forestè, la pelèn come san Bartolomè

A Sala (Comacina) stanno bene quelli del paese ma se arriva un forestiero lo spellano come San Barolomeo

  1.  

Acqua e sö la festa di pastör

 

Nelluniverso contadino gli elementi naturali, in questo caso,lacqua e il sole, erano considerati come doni preziosi, e la loro equilibrata partizione durante lanno assicurava un buon raccolto e per i pastori la possibilità di avere sempre a disposizione foraggio per il proprio gregge

  1.  

Al m'ha menaa a mesa senza vedè al prevat

Mi ha portato a messa senza vedere il prete (mi ha preso in giro)

  1.  

Al ma gnè còlt gnè frech

Non mi fa caldo freddo (mi è indifferente)

  1.  

Al ma fai vedè al sant e al miracul

Mi ha fatto vedere il santo e il miracolo (mi ha mostrato come stanno le cose)

  1.  

Al sa regorda minga dal nas ala boca

Non si ricorda dal naso alla bocca (si dimentica subito)

  1.  

Al vaar püssèee un'ura de nott che lavurà una settimana.

Vale di più un'ora di notte che lavorare una settimana.

  1.  

Amis e melòn su cèt bòn

Amici e meloni, su cento due son buoni.

  1.  

Bagnaa cumè un pulesin

Bagnato come un pulcino appena nato

  1.  

Basta ves in buna fed per vultà 'l mund se ghe se cred

Basta essere in buona fede per cambiare il mondo se ci si crede.

  1.  

Bisogna guardàss laria, del vent e de chi parla lent

Bisogna guardarsi dallaria, dal vento e da quelli che parlano lento.

  1.  

Cantà e purtà la crus

Cantare e portare la croce (fare 2 lavori contemporaneamente)

  1.  

Cent , cent crap, cent dusent ciapp

Cento crani, cento teste, cento culi duecento chiappe

  1.  

Chi tanta làpa vàr pòch con la sàpa

Chi parla tanto val poco con la zappa in mano.

  1.  

Chi gh'à un mestee in man, ga mancarà mai un tòcch de pan. A chi ha un mestiere in mano non mancherà mai un pezzo di pane.

Chi gh'à un mestee in man, ga mancarà mai un tòcch de pan. A chi ha un mestiere in mano non mancherà mai un pezzo di pane.

  1.  

Chi mal intend, pesc respund: inscì fan i àsen de tutt el mund

Chi capisce male, peggio risponde: così fanno gli asini di tutto il mondo

  1.  

Chi mal intend, pesc respund: iscì fann i asen de tütt el mund.

Chi male intende peggio risponde: così fanno gli asini di tutto il mondo.

  1.  

Chi mangia ùga el prim de lànn, el danèe tutt lànn

Chi mangia uva il primo giorno dellanno avrà soldi per tutto lanno.

  1.  

Chi sa el latin el loda lacqua e el bève l vin

Chi sa il latino loda lacqua ma beve il vino.

  1.  

Chi va via pert al post de l'usteria

Chi va via perde il posto perchè qualcun altro lo occupa

  1.  

Chi Voeur pruà i pen de l'infernu, a Varenna d'està e a Belan d'invernu

Chi vuol star male vada a Varenna d'estate e a Bellano d'inverno

  1.  

Con lacqua e lerba di praa, se cura tutt i maa

 

  1.  

nus in d'un sacch e dònn in d'una fan un gran frecass

Due noci in un sacco due donne in una casa fanno gran rumore.

  1.  

El can che al buia al cagna minga

Can che abbaia non morde

  1.  

El miglior podèr lè on bon mestèr

Il miglio podere è possedere un buon mestiere.

  1.  

Fa l'ost e cercà sü l'è un mestee che sa desmètt .

Fare l'oste è chiedere l'elemosina, è un lavoro che non si smetterebbe mai.

  1.  

fin al quaranta de masc bisogna minga mùla i strasc

fino al 10 giugno ci si deve aspettare ancora il freddo

  1.  

Galina vegia la bun broeu

Gallina vecchia fa buon brodo

  1.  

Guàrdet ben dal ver nemìs, ma pussèe dal fint amis

Guardati bene dal vero nemico, ma di più dal finto amico.

  1.  

I danèe spendùu senza dolòr hin guadagna denza sudòr

I soldi spesi senza dolore son guadagnati senza sudore.

  1.  

I è dumà i merli che vee minga gris.

Solo i merli non diventano grigi.
COs?ì dicevano gli uomini quando i capelli cominciavano a ingrigire: solo i merli (gli uccelli ma anche gli sciocchi non ingrigiscono.

  1.  

I uur de la mattina gh'ànn l'oor in buca.

Le ore del mattino hanno l'oro in bocca.

  1.  

I vizi de natura i sa portan fina ala sepultura

I difetti di nascita si portano fino alla morte

  1.  

Ien cumè i ball de fra Luca

Sono come le frottole di frate Luca

  1.  

In di ladri roba nisun

In casa dei ladri non va nessuno a rubare

  1.  

Intant che pisa el can, scapa la légur.

Mentre il cane fa pipì, la lepre scappa.
Nelle cose importanti non c'è mai tempo da perdere.

  1.  

L'aqua d'in su la bogna gnaa i soeul di pedu

Lezzeno: La pioggia che viene da Bellagio non è buona a niente

  1.  

L'è naj in un sac e l'è turnaa in de un baul

E' andato in un sacco ed è tornato in un baule (tornare da un viaggio d'affari senza aver concluso niente)

  1.  

mej ves rich da gent che da danée

E meglio avere amici che soldi.

  1.  

Lè minga làder domà quel che roba, ma anca quel che ghe ten vèrte l sàcc

 

Il ladro non è solo quello che ruba, ma anche quello che tiene aperto il sacco.

  1.  

La bòca l'è minga stràca se la sa de vàca

Vuol dire che un pasto, anche abbondante, deve terminare con un buon pezzo di formaggio.

  1.  

La cativa lavandera la tröva mai la piöda bruna.

La cattiva lavandaia non trova mai la pietra adatta.

  1.  

La cunsulaziun de vun senza 'na gamba l'è vedèn vun cun via tutt e

La consolazione di uno senza una gamba è vederne uno a cui mancano tutte e due

  1.  

La diss la Sacra Scritüra de fa lavurà i vècc che gh'ànn la pell düra.

Dice la Sacra Scrittura di far lavorare i vecchi che hanno la pelle dura.

  1.  

La lengua la gh'à minga i oss ma i a rump

La lingua non ha le ossa ma le rompe

  1.  

La man che 'ndà 'na cüna la tee in pee el mund

La mano che culla sorregge il mondo.

  1.  

La pagüra a l'è fada a mazüü e la ciapa chi la vüü

La paura è fatta a mazzuole fasci e la prende chi la vuole

  1.  

La pigrizia la regna l'immondizia

La pigrizia è sovrana dell'immondizia.

  1.  

La rabbia, la stizza la vegn tre volt al dì: la sira, la matina e po anca al mesdì

La rabbia e la stizza vengono tre volte al giorno: la sera, la mattina e anche a mezzogiorno.

  1.  

La roba püsee bona la sa mangia in ca di oltri

Le cose migliori si mangiano in casa degli altri

  1.  

La tropa confidènza la pert la riverènza

La troppa confidenza fa perdere il rispetto

  1.  

Lavurà cun alegria, l'è 'l mestee püssèee bèll che ga sia.

Lavorare in allegria è il mestiere più bello che ci sia.

  1.  

Lescèn de la mala fortuna; d'està senza il so, d'invernu senza la luna

Lezzeno sfortunato, d'estate senza il sole, l'inverno senza luna

  1.  

Lescian de la mala furtuna; d'estaa senza suu, d'invernu senza luna

Lezzeno, paese sfortunato; d'estate senza sole, d'inverno senza luna

  1.  

Mangia e tas se ta voeurat vif in pas

Mangia e taci se vuoi vivere in pace

  1.  

Mesteràse, danerasch.

Mestiere sgradevole tanti soldi.

  1.  

Mett i gamp sotta al tavul

Sedersi a tavola a mangiare

  1.  

Moll cumè un fich

Molle come un fico

  1.  

Murduda da nas, nutizia ca pias

Morso -o pizzicore- al naso, notizia che piace

  1.  

Né par tort né par resùn lasat mai regunt in presun

Né a torto né a ragione lasciati mettere in prigione

  1.  

Né per tort né per reson lasess mai regund in preson.

Né per torto ne per ragione non farti fai portare in prigione.

  1.  

Nigula rosa o ch'el pioeuf o ch'el bofa

Nuvola rossa o piove o farà vento

  1.  

O mangia stà minestra o solta giò de la finestra

O mangi questa minestra o altrimenti digiuni

  1.  

O par il o par la gamba al sumèa ala sua cavala

Per il piede o per la gamba assomiglia alla sua cavalla (inteso come ai genitori)

  1.  

Ogni limun ga la sua part de bun

Ogni limone ha la sua parte buona

  1.  

Panettòn de Natàl al ven mai pòss; a mangiàll a San Biàs al benediss la gola el nas

Il panettone di Natale non diventa mai stantio; se mangiato a San Biagio benedice la gola e il naso.

  1.  

Pret e re o dì ben o tasè

Di preti e re o dir bene o tacere

  1.  

Prima fa scapà ul purcel, sara su ul stabiel

Prima fa scappare il maiale poi chiude il recinto) riferito a una persona incapace o non molto sveglia

  1.  

Quand el mont Barr el ga el capell, corr a ca e teu su el mantell

Quando il monte Barro ha il cappello, verrà a piovere a Lecco

  1.  

Quand la rota la tuca i calcagn o la fa ben o la fa dagn

Quando la ruota tocca i calcagni o fa bene o fa danni

  1.  

Quand ul suu al tramunta, l'àsan al sa impunta.

Quando il sole tramonta, l'asino si blocca.

  1.  

Quant al San Prim al ga sü al capell o al pioeuf o al fa bel

Quando il Monte San Primo è avvolto dalle nuvole, il tempo è variabile

  1.  

Quant el Bisbin el ga el capel, qui de Com portèn l'umbrell

Quando il monte Bisbino ha il cappello, a Como pioverà.

  1.  

Quant el Legnon el ga el capel, mola la ranza e ciapa el rastrell

Quando il monte Legnone ha il cappello, verrà a piovere in alto Lario

  1.  

Quant l'è scur del Tisin, l'acqua l'è visin

Quando il Ticino è scuro, pioverà.

  1.  

Quanta el Legnon el g'haael capell, trà via la ranza e ciapa el restell

Quando il Legnone ha il capello, metti via la falce e prendi il rastrello

  1.  

Quanta el suu el tramunta, l'asen el se 'mpunta.

Quando il sole tramonta , lasino si impunta.

  1.  

Quel che se dis in di urecc el ten minga né coldfrecc

Quello che si dice all'orecchio non fa né caldo né freddo

  1.  

Quell che se diss in di urecc el tee mignacoldfregg.

Quello che si dice nelle orecchie non fa ne caldo ne freddo.

  1.  

Qui de Lecch quand nassen invece de fa ' ' disèn 'danè 'danè

Quelli di Lecco: gente che lavora tanto

  1.  

Qui del Lay l'è mej pèrdei che truvaj

Quelli di Laglio, gente inaffidabile

  1.  

Quii de Valtulina: scarpa grossa, crapa fina

Gente di Valtellina: rozzi ma astuti

  1.  

Quond el Galbiga gh'a su el capell, mola la ronza e ciapa el restel

Quando le nuvole incoronano il Galbiga si deve riparare il fieno perchè pioverà a breve

  1.  

Rubà zucch e fa minga pecàa

Rubare zucche e rape non fa peccato

  1.  

S.Antoni, che l'è un om de bee al porta al soo e la mantee

S.Antonio, che è un uomo che fa del bene riporta il sole e lo mantiene (Questo proverbio è riferito al paese di Lezzeno che per la sua disposizione geografica si trova senza sole da S.Martino [11 novembre] fino a S.Antonio [17 gennaio])

  1.  

S.Martin l'è un asasin, al porta via al soo del campanin;

S.Martino è un assassino, porta via il sole dal campanile;

  1.  

San Giuvann mina ingann

San Giovanni non fa inganni

  1.  

San Sebastian, frecc da can

Nel giorno di S.Sebastiano c'è sempre un freddo da cani

  1.  

Se 'l ciel l'è faa a poo, el pioeuf incoeu o 'l pioeuf dumoo

Se le nuvole sembrano pagnotte, entro breve pioverà

  1.  

Se al pioeuf al dì de l'Ascenza per quaranta dì sem minga senza

Se piove il giorno dell'Ascensione, piove per altri quaranta giorni

  1.  

Se la mia nona la ghera i roeut a l'era un tram

Se mia nonna avesse avuto le ruote sarebbe stata un tram

  1.  

Se la rusada la ghe sentaress e se l'aspis el ghe vedaress, poca gent al mund a ghe saress

Se la salamandra ci sentisse e la vipera ci vedesse, al mondo sarebbero in pochi

  1.  

Se ta voeurat la tusa, fac bela cera ala sua mam

Se vuoi la figlia, fai i complimenti alla mamma

  1.  

Se te voret viff san e cuntent sta un puu luntan di to parent

Se vuoi vivere sano e felice stai lontano dai tuoi parenti

  1.  

Se te vöret viv san e cuntent stà 'n poo luntan di to parent.

Se vuoi vivere sano e contento stai un po' lontano dai tuoi parenti.

  1.  

Se vestiss el castoo, se desvestiss el cristioo

Quando il castagno mette le foglie si può cominciare a levarsi gli abiti pesanti

  1.  

Spusa bagnada, spusa furtunada

Sposa bagnata, sposa fortunata

  1.  

Ta seet un quatröcc

Hai quattro occhi (porti gli occhiali)

  1.  

Tanta pappa, poca pipa, niente pèpa

 

Serie di consigli per vivere sani e scampare a lungo e cioè fuor di metafora: Mangiare molta minestra (tanta papa), fumare poco (poca pipa) e stare lontano dalle donne (niente pèpa).

  1.  

Tee guadagnaa gnanca l'acqua che ta bevat

Non hai guadagnato niente (neanche per bere un bicchiere d'acqua)

  1.  

Tre don mercaa de Saron

Tre donne che parlano fanno mercato

  1.  

Tremezzin, tre parol e el fulcin

Gente della tremezzina, parlano poco e ...

  1.  

Ul lauràa dala festa al ven dentar dala porta e al và föra dal finestra

Il lavoro fatto in giorno di festa entra dalla porta ed esce dalla finestra

  1.  

Ul lavurà de la festa al vegn dent de la porta e 'l và fö da la finestra.

Il lavoro della "festa" entra dalla porta ed esce dalla finestra

  1.  

Un òm senza un tuchèll de miee l'è cume un muscun senza coo e senza pee.

Un uomo senza moglie è come un moscone privo di testa e di piedi.

  1.  

Uregia destra: parola unesta; uregia sinistra: parola trista

Orecchia destra: parola onesta; orecchia sinistra: parola disonesta

  1.  

Va a dà via i ciapp

Vai a fare un c....

  1.  

Valtelina scüra tütt al mund al sa sgüra, Valtelina ciara tütt al mund al sa lava

Quando verso la Valtellina è scuro ci sarà vento, quando è chiaro si prevede pioggia

  1.  

Var püsée un oeuf incoo che una galina duman

Vale più un uovo oggi che una gallina domani

  1.  

Var pussee la lapa che la sapa

La migliore arma è la parlantina

  1.  

Varda un òmm; vardal ben tùtt: senza danèe cumebrùtt

Guarda un uomo; guardalo tutto: senza soldi come è ben brutto.

  1.  

Variante al detto precedente:
Quant al San Prim al ga sü al capell mola la ranza e to sü al restell

Quando il Monte San Primo è avvolto dalle nuvole, lascia la falce e prendi il rastrello

  1.  

Verenna per cantà, Belàn per ciocà, Derì per balaà

Varenna per cantare, Bellano per bere, Dervio per ballare

  1.  

Visin: na parola e poò al fulcìn

Coi vicini: una parola e poi il falcetto

  1.  

Voeuia de laurà soltum adoss e fam fatigà menu che poss

Voglia di lavorare saltami addosso e fammi faticare meno che posso

  1.  

Zucc e melun i g'an la sua stagiun

Zucche e meloni hanno la loro stagione

  1.  

Zucch e donn brut ga da partut

Di zucche e donne brutte ce n'è dappertutto

       

Li2a



Hosted by uCoz